Biografia

Gerardo Casiello è compositore, cantante, musicista e autore di testi; nella sua produzione mescola una molteplicità di suggestioni e orizzonti musicali.

Le sue canzoni:

“…piccole storie che raccontano un mondo in bilico tra fantasia e ricordi popolato da un’umanità variopinta come figurine che si muovono in un teatro senza copione: contadini, barbieri, belle ragazze i cui sguardi trafiggono il cuore. Lo scenario è quello della provincia, da cui egli proviene, ma nei personaggi e nel loro poetico mondo ognuno può riconoscere un pezzetto di sé. Una specie di Amarcord dal sapore agrodolce sottolineato anche dalla musica. Casiello che parte dalla tradizione popolare, strada facendo si impadronisce di nuovi linguaggi e riversa nelle sue canzoni sonorità jazz ma senza dimenticare la grande musica d’autore…”

Claudia Fayenz del 5-2-2010  – GR1, RAI Radio Uno

Gerardo Casiello nasce nel 1977 a Benevento, cresce a San Giorgio del Sannio dove a otto anni comincia a studiare pianoforte classico e più tardi, da autodidatta, la chitarra. Da qui egli inizia il suo percorso musicale esibendosi con varie formazioni locali e respirando quotidianamente, attraverso musiche, canti, balli e “racconti” familiari, la tradizione popolare alla quale appartiene.

Sin da piccolo si interessa a ogni genere di musica: dal pop dei Beatles al progressive rock, dal  blues al jazz, e non da ultimo alla canzone d’autore italiana: da Modugno a Paolo Conte, da De Andrè a Carosone, da Buscaglione fino a Rino Gaetano. Molti di questi artisti hanno inciso sulla sua maturazione artistica.

Nel 1996 si trasferisce a Roma per studiare alla Facoltà di Lettere dell’Università “La Sapienza”, dove non solo si laurea ma stabilisce un saldo rapporto di collaborazione musicale con il suo relatore, Francesco Giannattasio, docente di Etnomusicologia e, negli anni Settanta, musicista e membro fondatore de “Il Canzoniere del Lazio”. Giannattasio segue da vicino la produzione musicale di Gerardo, che dal 2003 propone con successo il proprio repertorio in svariati contesti musicali, diventando il produttore del primo disco “Contrada Casiello” –  Poliedizioni, uscito in ottobre 2009.

Grande importanza nel percorso artistico di Gerardo hanno avuto Nora Orlandi, sua maestra di canto, recitazione e dizione, il produttore Pasquale Minieri e il compianto Italo “Lilli” Greco, storico produttore artistico della RCA italiana.

Oltre a canzoni Gerardo Casiello in questi anni compone anche svariate colonne sonore per cortometraggi, documentari, reportage, spettacoli teatrali e mostre, fra le altre: “Toghe Sporche”, video-inchiesta sul processo IMI-SIR, Lodo Mondadori prodotta da Stefano Eco ed edita da “L’Espresso”, 2002; il reportage sull’Argentina trasmesso dal programma “Report”, in onda su RAI 3 il 29 febbraio 2004; il docudramma sulle streghe di Benevento dal titolo “Fascinazioni”; autore inoltre, al fianco di Sergio Cammariere e Elio e le Storie Tese, delle musiche per il film “Il sole dei cattivi” interpretato da Nino Frassica, Luca Lionello e Nichi Vendola; compone ed esegue le musiche per “Holy Adryatic”, mostra interattiva di Paolo Consorti, tenuta al Teatro Margherita di Bari dal 16 aprile  al 28 maggio 2014.

I primi mesi del 2014 lo hanno visto impegnato anche nella composizione della colonna sonora per “Figli di Maam”, film del regista/pittore Paolo Consorti nel quale è anche attore al fianco di Franco Nero, Alessandro Haber, Luca Lionello, Federico Rosati, Michelangelo Pistoletto.

Gerardo è anche autore del volume di prossima pubblicazione “Canzoniere del Lazio Opera Omnia”, biografia che ripercorre la storia dello storico gruppo musicale degli anni Settanta, pioniere in Italia dell’attuale World Music.

Gerardo Casiello è stato ospite della trasmissione televisiva “Parla con me” condotta da Serena Dandini – RAI Tre – e ha tenuto concerti nell’ambito di numerosi contesti prestigiosi tra cui spiccano: MuCeM, museo delle culture mediterranee di Marsiglia (nell’ambito di “Marsiglia Capitale Europea della Cultura 2013”); Teatro Palladium (Roma);  European Jazz Expo 2011 (Cagliari); Auditorium Parco della Musica di Roma; Blue Note di Milano, Teatro Nuovo di Napoli; e molti altri ancora.

L’album “Contrada Casiello” è stato finalista dell’edizione 2010 del Premio Tenco nella sezione “Opera Prima” e votato disco della settimana  nella trasmissione “Fahrenheit” (seconda settimana di dicembre 2009) – RAI Radio Tre.

Segui Gerardo:

fotografia di Agnese Carinci